Federazioni e Comitati
Martedì 03 Agosto 2010 16:56    | Scritto da Michael    PDF Stampa E-mail

 CLICCA SUI LOGHI PER ACCEDERE AL SITO 

 
 IAAF ATHLETICS

F.I.D.A.L. NAZIONALE


 

 F.I.D.A.L. LOMBARDIA

 

 

F.I.D.A.L. BRESCIA

Ultimo aggiornamento ( Domenica 27 Marzo 2011 11:40 )
 

Data di fondazione : 4 Febbraio 1950.

Sede: Via Romanino, 16 - 25122 Brescia - Italia

Recapito e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  


 Principale impianto per gli allenamenti:

Campo "A. Calvesi" via Morosini,12 - 25126 BRESCIA

Caratteristiche impianto:

n° corsie: 8

Anello: 400 mt.

Tipo di manto: colato

Pedana martello all'interno dell'impianto

n° pedane salti: 4 

 n° pedane asta: 2

Asse in plastilina

Tribuna coperta

Illuminazione 

Visualizzazione ingrandita della mappa
 

  MAIN SUPPORTER

 

  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   
    
   
   
 

 SUPPORTERS 




 
 
 

 

 

Numero di iscritti: 300 circa

Categorie: giovanili, assoluti e master

PRESIDENTE
Di Pasquale Sebastiano
 
VICE PRESIDENTE
 Peli Stefano
 
PRESIDENTE ONORARIO 
Bonomelli Costantino
 
CONSIGLIERI 
Rubelli Mario, Romelli Sandro
  
SEGRETERIA 
Premrl Massimiliano
 
 TESORERIA E RAPPORTI ESTERNI
Braghini Walter 
 
DIRETTORE TECNICO 
Martinelli Stefano 
 
TECNICI 
Binetti Nicola, Dall'Angelo Andrea, Frigeni Alessandro, Garzetti Claudio, Serina Adriano
Cortinovis Renato, Cortinovis Massimiliano, Clementel Arturo, Lotti Fabio, Melchionda Alessandra, Uberti Andrea Zanella Riccardo
 
 COLLABORATORI ESTERNI
Bianchi Daniele, Colasuonno Giuseppe,Truschi Gianni,
    Fattori Franco, Belotti Simone, Borghesani Paolo, Francalacci Simone, Padoan Pierluigi, Quazza Claudio
 
TECNICI SETTORE GIOVANILE
De Dionigi Giancarlo
 
ADDETTO STAMPA 
Pezzella Carla 
 
SITO WEB 
Garzetti Michael 
 
 MEDICO SOCIALE
Dott. Zanetti Lorenzetti Alberto
Dott. Marrale Guglielmo
 
CENTRO MEDICO 
 Sportlife - Dott. Benassa Lorenzo - Prof. Moselli Raoul
 
 FISIOTERAPIA - OSTEOPATIA e RIABILITAZIONE
Costa Caterina, Mabellini Marzia, Serpelloni Piero
 
FISIOTERAPISTA ALLE TRASFERTE
Monticelli Francesco
 

Una storia appasionante che riassumiamo in queste colonne: dalla sua nascita fino al nuovo millennio.

L'Atletica Brescia ha radici lontane quando coloro che poi le avrebbero dato i natali hanno incominciato a muovere i primi passi nella “Forza e Costanza” originariamente, nel C.S.I Brescia e nell’Atala Club più tardi, società queste che hanno contribuito a fare la Storia dello sport bresciano. Il prof. Alessandro Calvesi, classe 1913, campione italiano di 1^ cat. nei 400 hs in gioventù e appassionato allenatore , più tardi tecnico di fama internazionale riesce a convincere a venire in aiuto dell’atletica i dirigenti del Brescia calcio e quelli dell’Automobil Club d’Italia, organizzatrice a quei tempi della “Mille Miglia”. Ed il “Giornale di Brescia” del 4.02.1950 annunciava il lieto evento:  

“L’Atletica Brescia. Il nuovo sodalizio raccoglie la luminosa tradizione cittadina” . 

Veniva individuata come sede quella del Brescia calcio. Anche gli atleti dimostravano una dedizione fuori dal comune alla società: ognuno di loro sottoscriveva una quota come socio fondatore.

Nasceva l’Atletica Brescia 1950. 

Inanellando grandi risultati con Armando Filiput che porta a Brescia il titolo europeo nei 400 hs (51”9 – Bruxelles 27/8/50) e

 la medaglia d’argento nella staffetta 4x400 con Paterlini e lo stesso Filiput (3’11”0). I nomi dei campioni da ricordare sono tanti: Gabre Gabric Calvesi (Disco e peso) Marisa Rossi (80 hs e 200 m.) e nel settore maschile: A. Siddi (100 e 200 m.) A. Albanese (110 hs e salto in alto) R. Colosio (mezzofondo) A. Sioli (800 m. e 4x400) G.P. Massardi (110 hs) F. Volpi (5000 e 1 0000 m. e corsa campestre) Antonelli (10000 metri) A. Imbasciati (decathlon) e tra i più giovani: Aldo Bonfadini (400, 800 e 1500 – corsa campestre) A. Baronchelli (salto con l’asta) E. Sandrini (100 m.) G. Bertuetti (400 hs), e ancora altri più tardi: Giuliana Modonesi (pentathlon), G.B. Gandolfi (400 hs) Rubelli Mario (salto in lungo), Marchetti Crescenzio (salto triplo), Braghini Walter (110 hs e decathlon).

Nel 1972 l’Atletica Brescia 1950 cambia fisionomia con l’entrata a sostegno dell’attività da parte dell’Associazione industriali e la presidenza di Cesare Wuhrer con Sandro Calvesi e Aldo Falconi come direttori tecnici. L’imprenditorialità bresciana entra in scena quale attore co-protagonista sullo schermo della propaganda sportiva e della pratica dell’Atletica leggera con un impegno economico che durerà fino al 1985. 

Ed ancora campioni: Adriana Carli (100 m.- 11”7 e 200 m. 23”9) DonataGuatta (400 m- 56”7) Chiara Dordoni (giavellotto m. 44,04) e Ivo Romanini (200 m. – 21”5) Mario Zoppi (800 m. 1’50”7) e Maurizio Tanghetti (salto in alto m.2,11) , Biatta Renato (disco e decathlon) per gli anni 70 ed ancora: Dario Badinelli (salto triplo), Moreschini Enrico (salto in lungo e in alto) Butturini Daniele (giavellotto) Amadei Luca (400 m.) Giuseppina Turra (eptathlon).

Nel 1985 cessa il connubio tra Atletica Brescia e Assindustria e assume la presidenza della società Costantino Bonomelli che aveva rivestito il ruolo di consigliere d’amministrazione negli anni precedenti e che guiderà la società per ben 25 anni. Vicepresidente Gabre Gabric Calvesi. Entrano nel consiglio d’amministrazione Adriano Scalvini, imprenditore-allenatore e come segretario Antonio Nervi. Lo staff tecnico è costituito da: Bossini Piergiorgio, coadiuvato da Nicola Binetti per il settore giovanile e Adriano Scalvini , Stefano Martinelli , Angelo Cingia e alcuni collaboratori esterni. 

Nel 1988 la Società viene premiata con la “Stella d’argento al merito sportivo”, ambito e importante riconoscimento del C.O.N..I.  

L’inizio del nuovo secolo presenta problemi abbastanza difficili per la Società tenuto conto soprattutto della congiuntura economica sfavorevole.

Questa volta il calcio non può aiutare l’atletica com’era avvenuto negli anni 50, saranno gli ex atleti che sono cresciuti in questa Società sia a livello di educazione fisica sia a livello umano a riconoscere alla pratica dell’atletica leggera un ruolo fondamentale trasformandosi in veri mecenati.

Presidente viene eletto Stefano Peli, ex astista. Vice presidente Adriano Scalvini. Entrano nel Consiglio d’amministrazione: Mario Rubelli, ex lunghista, Aldo Bonfadini ex mezzofondista, Aldo Guerini, ex quattrocentista, Sebastiano Di Pasquale, ex mezzofondista, gli ultimi due già presenti negli anni precedenti insieme ad Adriano Scalvini. Nel 2003 Valter Braghini (che diventerà poi assessore allo sport del comune di Brescia) passa il testimone di direttore tecnico a Stefano Martinelli, dal 1972 presente nell'atletica Brescia, prima come atleta poi come allenatore del mezzo fondo e del salto con l'asta.

E la storia continua... fino al 2008 quando la squadra femminile viene promossa nella serie più prestigiosa quella oro. E' formata dalle 12 squadre femminili e maschili più forti d'Italia. Nel 2011 si sale sul podio per la prima volta al terzo posto. E poi ci sono molti anni per consolidare la presenza nell'elite dell'atletica leggera. Avere un progetto e tanta passione e competenza unite a determinazione e convinzione è la chiave per accedere al sogno o almeno provarci. E la magia, grazie a tanto, tanto impegno e dedizione per l'atletica, diventa realtà. Nel 2019 il primo scudetto tricolore corona le fatiche e i sacrifici di un team coeso e collaborativo formato dal dirigenti, tecnici e famiglie che ci mettono il cuore per creare le condizioni migliori per far crescere le nostre grandi ATLETE che costituiscono la magica squadra femminnile Campionessa d'Italia 2019, 2020 e 2021. Certo non si posso condensare in poche righe anni e anni di attività con momenti difficili e duri ma anche tantissime soddisfazioni e colmeremo questa lacune nei prossimi giorni/mesi ve lo prometto! 

 

 


Pagina 11 di 11